Xiaomi Su7, svelata la reale autonomia: tutti increduli

La nuova berlina elettrica firmata Xiaomi si chiama SU7 e, oltre a fare concorrenza a Tesla, ha anche un’autonomia strabiliante: quale?

SU7 Xiaomi
SU7 Xiaomi, la nuova berlina elettrica dell’azienda cinese che vuol fare concorrenza all’americana Tesla (Mrinformatico.it)

Risale allo scorso dicembre una notizia che ha segnato una svolta per Xiaomi, il colosso di elettronica cinese. Stiamo parlando del lancio della berlina elettrica SU7, prodotta già su ampia scala e apprezzatissima da centinaia di migliaia di guidatori che hanno preordinato il loro modello. Dopo aver affermato la propria influenza nel mondo dei dispositivi elettronici, Xiaomi ha infatti deciso di aprirsi anche al settore automobilistico.

E nel farlo ha approcciato la questione in modo piuttosto stupefacente. Ci basti pensare che nella fabbrica di Pechino si produce una media di 40 auto ogni ora, grazie al ricorso a centinaia di bracci meccanici e all’intelligenza artificiale. Lo scopo dell’azienda cinese, in effetti, sembra quello di affermarsi sul mercato in modo incontrovertibile, addirittura provando a fare concorrenza alla massima autorità mondiale in fatto di auto elettriche: Tesla.

SU7 Xiaomi: in che modo l’azienda cinese vuole fare concorrenza all’americana Tesla?

Pannello macchina elettrica
Xiaomi punta tutto sul prezzo e sulla lunga autonomia della batteria delle SU7 (Mrinformatico.it)

Ma quali sono gli elementi che differenziano una Xiaomi da una Tesla e in che modo il brand cinese vuole affermare la sua supremazia? La velocità di produzione automatizzata dei veicoli sembra essere un primo passo e anche il prezzo allettante fa la sua parte. In media una SU7 Xiaomi ha prezzi che variano dai 28mila euro ai 39mila euro.

E anzi, per la precisione il modello base è acquistabile anche con qualche centinaio di euro in meno rispetto a 28mila, cioè a 27.700 euro. A ciò bisogna aggiungere la vasta gamma di versioni di SU7 tra cui scegliere, da quelle base a quelle prodotte in tiratura limitata come la Founders Edition. A ogni fascia di prezzo corrispondono, prevedibilmente, delle specifiche tecniche più o meno all’avanguardia, non ultimi i tempi di autonomia delle batterie.

Autonomia di centinaia di km: da 700 a oltre 800 in base al modello

In generale Xiaomi dà ai propri clienti la possibilità di scegliere tra la batteria con 700 km di autonomia del modello standard e quella con 830 km di autonomia della Xiaomi Pro. Ma non solo, poiché il fiore all’occhiello dell’azienda è sicuramente la Xiaomi Max.

Essa è dotata di una tecnologia che permette di ripristinare un’autonomia di 510 km in 15 minuti di ricarica, di contro ai 350 km delle altre due vetture. Per far ciò il modello Max è dotato di un doppio motore, come a dire: doppio motivo per scegliere questa macchina elettrica.

Impostazioni privacy