Smartphone, perché dovresti togliere il Wi-Fi quando non serve: assurdo

Quasi tutti, quando escono di casa, lasciano il WiFi acceso sul telefonino, una pratica che si dovrebbe evitare: per quale motivo?

Connessione WiFi Smartphone
Connessione WiFi Smartphone (Mrinformatico.it)

Staccare il WiFi dal proprio telefonino, quando non è essenziale, può fare la differenza. Tutti quanti, però, hanno la cattiva abitudine di lasciare il WiFi collegato anche quando sono fuori casa. Si tratta di una cattiva idea che può incidere sulle prestazioni dell’apparecchio e renderlo maggiormente vulnerabile. Gli esperti, non a caso, consigliano sempre di staccare il WiFi per precauzione.

Apparentemente, sembra un gesto innocuo, eppure può comportare certi rischi per il proprio smartphone. Uno dei rischi più conclamati è quello dell’aggancio a reti wireless sconosciute, alcune della quali potrebbero essere anche poco sicure. Tuttavia, il pericolo maggiore è un altro. Cosa comporta la costante ricerca della rete?

Ricerca costante di rete: i rischi che si corrono lasciando il WiFi del telefono sempre acceso

Ricerca del WiFi anche in spiaggia
Ricerca del WiFi anche in spiaggia (Mrinformatico.it)

Lasciare il WiFi dello smartphone sempre accesso, in cerca di connessione, può essere deleterio. Come mai gli esperti consigliano sempre di staccarlo? I motivi principali sono essenzialmente due. Il primo è relativo alla sicurezza. Come accennato, le reti sconosciute, infatti, possono essere trappole per i dati, e quindi involontariamente si potrebbero condividere dati personali a eventuali hacker.

Il secondo motivo è legato all’usura del telefono stesso, o meglio, della batteria. Staccare il WiFi quando si esce di casa rientra tra le buone pratiche per mantenere correttamente la batteria, facendola durata più a lungo. Se il wireless è sempre connesso, il cellulare è alla costante ricerca di una connessione, e ciò incide sulla batteria, facendola sforzare.

Disattivare il WiFi dallo smartphone per stare più sicuri

Significa che la batteria è costantemente sottoposta a stress, si consuma e si usura prima, degradandosi. Ciò incide sulla longevità stessa dell’apparecchio. È sempre bene accedere al menù a tendina e disattivare il WiFi quando si esce di casa o dal proprio ufficio, troncando ogni eventuale fuga di dati verso altri dispositivi.

Meno reti si hanno memorizzate e meno si corrono rischi di esportazione di dati personali. Si tratta di una questione di sicurezza e di privacy. Il metodo più semplice per proteggere i propri dati è quello di utilizzare una VPN, ossia una Rete Privata Virtuale, anche se in certi casi anche questa si può aggirare.

Una VPN ci permette anche di proteggerci da eventuali agganci di connessione casuali in luoghi pubblici. Altrimenti, si può ricorrere all’installazione di applicazioni antivirus per la sicurezza mobile. Comunque, sia il gesto più semplice che si può fare per stare tranquilli è quello di disattivare il WiFi.

Impostazioni privacy