Siti truffa trading: come capire che stai entrando in una trappola

Massima allerta per i malintenzionati che usano il trading online per imbastire siti truffa: come riconoscere le trappole dei truffatori.

Molti utenti del web rischiano di cadere nella trappola del falso trading online, vedendosi di conseguenza spinti a versare i loro risparmi attraverso astuzie e raggiri. Un inganno perpetrato prospettando loro investimenti finanziari che, lungi dall’essere redditizi, si rivelano del tutto campati in aria e dannosi.

Trading online come riconoscere i siti truffa
Il pericolo dei siti truffa è una possibilità concreta per quel che riguarda il trading online – mrinformatico.it

Spesso le attività abusive riguardano appunto i servizi di trading, portati avanti su piattaforme online che mettono in campo strumenti finanziari “innovativi” (in realtà veri e propri inganni) come i derivati con sottostanti valute, criptovalute, materie prima, indici di borsa.

In particolare la Polizia di Stato ha sottoposto a sequestro e oscurato 473 siti web, account e annunci pubblicitari che promuovevano – attraverso una conosciuta piattaforma social – una serie di investimenti finanziari del tutto fraudolenti. Ma come capire che siamo di fronte a un sito truffa che usa l’esca del trading online per propinarci falsi investimenti finanziari?

Siti truffa trading: ecco come riconoscerli per non cadere in trappola

Come tutti i truffatori, anche quelli attivi nel campo del trading online cercano di spargere dappertutto del fumo per gli occhi – sotto la forma di mirabolanti promesse di facili guadagni – e di darsi una patente di legittimità istituzionale in modo da guadagnare credibilità agli occhi delle loro vittime.

Come evitare le trappole dei siti truffa trading
Anche nel trading online i cybertruffatori impiegano tecniche sempre più raffinate per ingannare gli utenti – mrinformatico.it

Spesso gli utenti sono stati tratti in inganno da video deepfake – creati dall’intelligenza artificiale – che coinvolgevano enti come ENI e i suoi vertici, naturalmente del tutto estranei a questo genere di attività. La Polizia di Stato ribadisce la necessità di rivolgersi sempre alle competenti autorità per chiedere aiuto nel caso di una truffa online. Ma non è tutto: dalla Polizia arrivano anche dei suggerimenti per proteggersi in maniera efficace dalle truffe relative al trading online:

  • Meglio stare lontani delle offerte di investimenti online basate su promesse di guadagni sostanziosi e immediati;
  • Diffidare anche delle pubblicità di investimenti che usano loghi di aziende o istituzioni oppure immagini di personaggi celebri;
  • Controllare sempre che chi pubblicizza l’investimento sia autorizzato e verificare che la società finanziaria proponente risulti registrata presso la piattaforma CONSOB;
  • Dare la preferenza a società finanziarie che operano in ambito UE;
  • Sincerarsi della regolarità piattaforma online, con tanto di partita Iva e sede legale (che deve essere realmente esistente).
Impostazioni privacy