Il futuro del lavoro è con l’IA, la nuova occupazione promette stipendi da capogiro

Chi l’ha detto che l’Intelligenza Artificiale toglierà solo lavoro agli esseri umani? C’è una figura professionale emergente che avrà tutto da guadagnarci…   

Negli ultimi mesi l’intelligenza artificiale ha fatto veramente passi da gigante, e l’ondata di entusiasmo e curiosità si è accompagnata al coro dei pessimisti che gridano a un futuro dominato dalle macchine e con schiere di esseri umani rimasti disoccupati per colpa loro. Ma non è affatto detto che sia così. Anzi, il nuovo scenario che si sta aprendo prospetta anche ghiotte opportunità per una serie di figure professionali dotati di competenze specifiche. Una in particolare.

futuro lavoro ia nuova occupazione stipendi capogiro
Il prompt engineer dell’intelligenza artificiale è la persona che formula le domande e fornisce le istruzioni per ottenere le risposte e le immagini più pertinenti – mrinformatico.it

C’è una nuova occupazione a forte contenuto tecnologico che può generare lautissime entrate, dicono gli esperti. Il prompt engineer dell’intelligenza artificiale, la persona cioè che formula le domande e fornisce le istruzioni per ottenere le risposte e le immagini più pertinenti da programmi come ChatGPT, è una posizione molto richiesta. Con lo stipendio che può arrivare a – tenetevi forte – 300.000 dollari, pari a 270.000 euro e rotti. Ma in cosa consiste esattamente il lavoro in questione?

Il segreto per arricchirsi grazie all’IA

Un settore in rapida crescita come quello dell’IA sta spingendo molti scrittori professionisti a mettersi in gioco. “Basta semplicemente saper scrivere”, spiega Greg Beltzer, responsabile della tecnologia di RBC Wealth Management: “È necessario pensare come l’utente. Oltre al codice e allo sviluppo dei programmi c’è tutto un insieme di competenze legate anche alla creatività“. Con buona pace dei colletti bianchi che rischiano di essere soppiantati dalla tecnologia che avanza.

futuro lavoro ia nuova occupazione stipendi capogiro
C’è bisogno di attenzione ai dettagli: maggiore è la precisione delle risposte ottenute e dei contenuti trovati, meglio è  – mrinformatico.it

Un altro esperto in materia, Bernard Marr, spiega che il prompt engineer dovrebbe avere capacità di gestione dei dati e di progetti, organizzative e di comunicazione. Programmatori e ingegneri informatici, giornalisti, analisti di dati, consulenti paralegali e assistenti legali sono tra coloro che dovrebbero stare in allerta. “Un buon prompt engineer oggi è più costoso di un data scientist”, osserva Beltzer. “È incredibilmente difficile trovare qualcuno che abbia esperienza”, aggiunge. “Non c’è nessuno con più di cinque anni di esperienza… Siamo a caccia di persone con un background commerciale che abbiano un’inclinazione tecnica”.

Un altro addetti ai lavori,  Bernard Marr, afferma che un prompt engineer dovrebbe avere capacità di gestione dei dati, di gestione dei progetti, organizzative e di comunicazione. “Devi essere in grado di esprimere ciò che vuoi che l’IA faccia in modo preciso e chiaro, proprio come se stessi formando o dando istruzioni o una forza lavoro umana. C’è bisogno di attenzione ai dettagli: maggiore è la precisione delle risposte ottenute e dei contenuti trovati, meglio è“. Almeno in questo, noi esseri umani siamo – finora – difficilmente sostituibili.

Impostazioni privacy