Addio Vodafone in Italia: cosa succede ai clienti, tutto quello che c’è da sapere

Fine di un’era in Italia, Vodafone verso l’addio: cosa succede adesso ai clienti, tutto quello che c’è da sapere.

Addio Vodafone cosa succede clienti
Logo Vodafone immagine – Mrinformatico.it

Il Vodafone Group Plc è il nome di un’azienda che opera nel ramo della telefonia mobile e fissa e che ha sede a Londra. La multinazionale è presente in 25 paesi: nel corso degli anni, il marchio è diventato sempre più forte acquistando altri operatori mobili o avviando partnership fantastiche. Nel 2023, Vodafone ha deciso di lasciare il mercato spagnolo vendendo l’attività al fondo Zegona.

In Italia, Vodafone è al primo posto tra gli operatori: Altroconsumo, sempre molto attento ai desideri dei consumatori, ha fornito una classifica incredibile piazzando proprio il famosissimo brand davanti a tutti. Nel 2024, Swisscom ha acquistato il 100% di Vodafone Italia per 8 miliardi di euro: l’obiettivo è quello di unirlo con la controllata Fastweb. Il noto operatore non sparirà subito dal mercato italiano: nei prossimi 5 anni continuerà a fornire alcuni servizi. Ma cosa succede a tutti i clienti Vodafone?

Vodafone, addio al mercato italiano: cosa succede ai clienti

Addio Vodafone cosa succede clienti
Logo Vodafone – Mrinformatico.it

La notizia dell'”addio” di Vodafone Italia è stata sicuramente un fulmine a ciel sereno: l’operatore numero 1 d’Italia (stando alle classifiche) viene quindi associato a Fastweb. Almeno fino al 2030, tuttavia, il marchio non sparirà ma continuerà a fornire servizi anche se si integrerà sempre di più a Fastweb. Il closing, salvo colpi di scena, è previsto nel 1° trimestre del 2025: bisogna attendere l’approvazione delle autorità competenti. Ma cosa succede ai clienti? Al momento, è bene dirlo, non cambierà proprio tutto. Vodafone sarà sì assorbita da Fastweb, ma i clienti continueranno ad avere i medesimi contratti con le stesse condizioni economiche.

Quando sarà avvenuto il passaggio alla nuova società, Fastweb può comunicare eventuali cambi di prezzo: il cliente avrà quindi un mese intero per decidere di recedere dal contratto o di cambiare operatore senza pagare nessuna penale e senza dover investire in onerosi costi di attivazione. Fastweb, in ogni modo, dovrà sempre fornire ai clienti tutte le comunicazioni: chi ha attualmente un contratto con Vodafone, non ha quindi nulla da temere (a proposito di cambio di operatore, hai visto l’ultima offerta di PosteMobile?). Anche Altroconsumo (l’organizzazione che ha come obiettivo l’informazione e la tutela del consumatore) ha dedicato sul proprio sito un articolo sulla storica partnership: gli italiani, quindi, possono stare tranquilli. Il cambiamento è comunque epocale: fino a qualche mese fa, nessuno immaginava un addio di Vodafone.

Impostazioni privacy