Vision Pro, tutte le App disponibili: la delusione è dietro l’angolo, mancano le fondamentali

Mentre ci si avvicina alla data di lancio, sul nuovo visore di Apple emergono sempre più dubbi e incertezze.

Non si prospetta un periodo facile per Apple. L’azienda, reduce da un 2023 non proprio entusiasmante, in cui ha visto Microsoft superarla in termini di valore azionario, voleva iniziare il nuovo anno conquistando le scene con il suo nuovo dispositivo per la realtà aumentata, l’Apple Vision Pro. Il visore, che segna il primo passo di Apple in questo settore, era stato annunciato lo scorso anno e aveva inizialmente suscitato l’entusiasmo di molti appassionati di tecnologia. Con il passare dei mesi e l’emergere di nuovi dettagli, però, sono cominciati a crescere anche i dubbi.

quali app ci saranno su apple vision pro
Apple Vision Pro sarà rilasciato senza la compatibilità con alcune importanti app – Screenshot YouTube Apple – mrinformatico.it

L’Apple Vision Pro è già disponibile per il pre-ordine negli Stati Uniti e comincerà a essere spedito a partire dal prossimo 2 febbraio. A poche settimane dal rilascio, però, è stata confermata la più grande preoccupazione degli utenti in merito alle sue funzioni: il nuovo dispositivo di Apple non sarà dotato di alcune delle app più popolari tra gli utenti.

Apple Vision Pro ha una strada decisamente in salita davanti a sé

Apple Vision Pro promette un’esperienza in di visione immersiva senza precedenti, in cui l’utente potrà interagire con le sue app preferite in un modo totalmente nuovo. D’altra parte, questo è però possibile solo se le aziende che sviluppano le app preparano una versione ottimizzata per l’esperienza su Apple Vision Pro. E, sorprendentemente, sembra che alcune delle più famose non abbiano affatto intenzione di spendere soldi ed energie per fornire a Apple un’app apposita per il suo nuovo dispositivo.

su apple vision pro non ci saranno netflix e youtube
Apple Vision Pro non avrà alcune app molto apprezzate – Screenshot YouTube Apple – mrinformatico.it

Un aspetto forse addirittura paradossale, dato che da un dispositivo che fa della visione il suo punto di forza principale ci si aspetterebbe di trovare tutte le app per lo streaming. E invece, sembra ormai certo che servizi come YouTube e Netflix non approderanno su Apple Vision Pro, almeno non al momento del lancio. E non ci sarà neanche Spotify, che si è unita ai due colossi dello streaming video e ha annunciato che non ci saranno app ottimizzate per il visore Apple.

Queste novità rappresentano un evidente problema per Apple, che si trova a lanciare un dispositivo nuovo, decisamente costoso e privo dei servizi più apprezzati dagli utenti. Chi acquista l’Apple Vision Pro in queste prime settimane potrà invece contare su Prime Video, Disney+, Paramount+ e HBO Max, oltre alle diverse app per la produttività prodotte da Apple stessa.

Non è chiaro, però, se questo basterà a convincere i molti utenti indecisi sull’acquisto. Di sicuro, una notizia del genere è un chiaro segnale di mancanza di fiducia da parte degli investitori, che nel caso peggiore potrebbe tradursi in dati di vendita per nulla entusiasmanti.

Impostazioni privacy