Ritornano i DVD e sono molto più grandi di prima: presto potrebbero mandare in pensione gli hard disk

I DVD ormai da un po’ di anni sono diventati desueti, anche se alcuni collezionisti continuano a comprarli. Ora però sono pronti a tornare e saranno molto più grandi di prima.

Ci vorrà un po’ di tempo per questa ennesima rivoluzione, ma siamo sicuri che il mercato, oggi monopolizzato dallo streaming, prenderà una piega differente.

Grande ritorno dvd
Ritornano i dvd e sono diversi da prima (MrInformatico.it)

Sebbene l’avvento ufficiale dei DVD risalga al 1996, il commercio è esploso solo nei primi anni del terzo millennio. In Italia il primo lettore in assoluto arrivò nel 1997 grazie alla Panasonic e il suo costo superava non di poco il milione di vecchie lire. Il primo film a essere distribuito fu invece Die Hard Duri a Morire della Cecchi Gori, uscito in una jewel-box molto simile a quelle all’epoca utilizzate per vendere i cd musicali.

Da quel momento, l’evoluzione è stata molto rapida con la netta sensazione che ci fosse stato un radicale miglioramento rispetto alle VHS sia per qualità della riproduzione che per durata nel tempo del supporto. Negli ultimi dieci anni però l’industria ha vissuto un’involuzione incredibile che ha portato molte case di distribuzione a puntare solo ed esclusivamente sul digitale. Un mercato ormai morto che però potrebbe essere rilanciato da una nuova invenzione che arriva dalla Cina.

I nuovi DVD pronti a invadere il mercato

Vi aspettavate di poter vedere dei nuovi DVD invadere il mercato internazionale? Sembrava impossibile eppure ci sono delle possibilità molto interessanti per il futuro degli appassionati di cinema e non solo.

La grande novità dalla Cina
La novità arriva dalla Cina (MrInformatico.it)

La ventata di novità, manco a dirlo, arriva dalla Cina, dove si stanno studiando dei dischi ottici che potranno memorizzare centinaia di Terabyte, un’infinità rispetto ai Giga di oggi. I ricercatori dell’USST (Università di Shanghai per la scena e la tecnologia) e quelli del SIOM (Istituto di ottica e meccanica fine di Shanghai) hanno affermato che sarà possibile realizzare dei dischi davvero molto tecnologici e diversi rispetto a quelli visti fino a oggi sul mercato.

Le funzioni di questi dischi ottici saranno molto differenti rispetto a quello a cui eravamo abituati e non saranno utilizzati solo per i film e i prodotti multimediali. Un cambiamento che si sentirà soprattutto su quello che potrà essere realizzato all’interno dei nostri computer. Insomma una rivoluzione che potrebbe mettere ko anche i moderni hardisk che ancora oggi tutti noi utilizziamo per trasferire dati e quant’altro. Vedremo se la Cina riuscirà a stupirci ancora una volta, ma su questo facciamo davvero fatica ad avere dei dubbi.

Impostazioni privacy