L’ultima invenzione di Elon Musk cambierà il modo in cui usiamo lo smartphone: il progetto è folle

Quello che pochi anni fa sembrava fantascienza, oggi è a tutti gli effetti realtà: Elon Musk ha dato vita a un progetto rivoluzionario.

Elon Musk, la mente visionaria dietro SpaceX e Tesla, ha fatto un altro salto nel futuro con l’ultima invenzione della sua azienda Neuralink, promettendo di rivoluzionare il rapporto che milioni di utenti hanno con la tecnologia. Immaginate di poter inviare un messaggio, navigare su internet o persino giocare a un videogioco semplicemente pensandolo. Sembra uno scenario quasi fantascientifico, ma potrebbe presto diventare realtà.

cosa fa neuralink
Elon Musk torna a stupire con un progetto che sembra uscito da un film di fantascienza – Foto Ansa – mrinformatico.it

Neuralink, la startup di Musk nel campo delle neurotecnologie, ha recentemente annunciato il successo dell’impianto del primo chip cerebrale wireless in un essere umano, segnando un passo avanti significativo verso l’interfaccia cervello-computer. Questo dispositivo, grande quanto una moneta e impiantato nel cranio, legge l’attività neuronale e trasmette segnali a un ricevitore, con diversi tipi di beneficio per l’utente.

Il futuro è già qui: Elon Musk e Neuralink promettono grandi rivoluzioni

Il primo impianto umano ha già avuto luogo e il paziente sta dando ottime risposte, secondo Musk. Questa notizia non solo conferma il potenziale di Neuralink di trasformare il settore medico, offrendo nuove speranze per il trattamento di condizioni come la paralisi e le malattie neurologiche complesse, ma apre anche le porte a un’interazione uomo-macchina completamente nuova.

elon musk ha impiantato il primo chip neuralink
Il dispositivo di Neuralink è dotato di fili microscopici che possono leggere l’attività dei neuroni – Screenshot IG @neura.link – mrinformatico.it

L’idea di controllare dispositivi elettronici con il pensiero non è nuova: già negli anni ’60 e ’70, gli esperimenti con stimolazione elettrica nel cervello di animali hanno mostrato le potenzialità di questo approccio. Tuttavia, Neuralink sta spingendo questa tecnologia oltre, con l’obiettivo di creare una simbiosi uomo-IA che Elon Musk considera addirittura “importante per il futuro della specie“.

La competizione in questo campo è accesa, con rivali come Synchron che hanno già permesso a persone con malattie del motoneurone di comporre tweet con il pensiero. Tuttavia, Neuralink si distingue per la sua visione ambiziosa che include non solo miglioramenti medici, ma anche un’integrazione profonda della tecnologia nella nostra vita quotidiana.

La principale implicazione per gli utenti comuni potrebbe essere quella di comunicare con gli smartphone o i computer più velocemente di quanto si possa digitare, tradurre lingue istantaneamente nel proprio cervello o persino salvare e riprodurre ricordi. Anche se queste possibilità sembrano uscite direttamente da un episodio di “Black Mirror”, la realtà potrebbe essere a portata di mano.

Impostazioni privacy