Le autorità riescono a smantellare Lockbit: finisce l’epoca del terrore di uno dei ransomware più pericolosi di sempre

Buone notizie per gli utenti di tutto il mondo: una delle bande di cybercriminali più potenti è stata finalmente smantellata.

Se un tempo le autorità si trovavano a contrastare bande di criminali di strada o di pirati, oggi una delle minacce più significative alla sicurezza dei cittadini è rappresentata dai gruppi di hacker. Questi malintenzionati operano nell’ombra e riescono a compromettere i sistemi informatici e i dati sia delle grandi aziende, sia dei privati cittadini. Una delle più note, soprattutto in questi ultimi anni, è stata Lockbit, il cui regno sembra però essere arrivato alla fine.

hacker lockbit
Le autorità continuano la lotta incessante contro i criminali informatici – mrinformatico.it

Lockbit non è un nome nuovo nel mondo del cybercrimine. Questi hacker producevano un ransomware che negli anni ha colpito i file di molte organizzazioni nei settori della produzione, della logistica e delle assicurazioni, criptandoli e chiedendo poi riscatti milionari per il loro ripristino. Una complessa operazione di polizia, però, che ha visto in prima linea agenzie di legge di prestigio come l’Agenzia Nazionale per il Crimine del Regno Unito, l’FBI, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti e Europol, ha portato all’arresto e all’incriminazione della maggior parte dei membri chiave della gang di cybercriminali responsabile di Lockbit.

Una buona notizia per chiunque naviga sul web: una grave minaccia sembra essere estinta

L’operazione, soprannominata “Operazione Cronos“, ha rappresentato una risposta decisa e coordinata alla minaccia di Lockbit, coinvolgendo un’ampia coalizione di paesi. Le autorità sono riuscite a penetrare le difese di Lockbit, prendendo il controllo della sua infrastruttura e pubblicando dati interni sul gruppo stesso attraverso i canali di comunicazione della gang. Questa mossa strategica ha non solo smascherato le operazioni interne di Lockbit ma ha anche fornito alle vittime gli strumenti necessari per decifrare i sistemi compromessi, riducendo così l’impatto degli attacchi.

Il fulcro di questa operazione ha visto l’incriminazione di due cittadini russi, ritenuti responsabili di aver orchestrato gli attacchi ransomware su scala globale. Le accuse, emerse da un’incriminazione non sigillata nel New Jersey, hanno messo in luce il loro ruolo nel prendere di mira aziende chiave in diversi settori, evidenziando la natura trasversale e la gravità della minaccia.

gli hacker di lockbit sono stati arrestati
La banda di Lockbit è stata sgominata definitivamente – mrinformatico.it

Graeme Biggar, direttore generale dell’Agenzia Nazionale per il Crimine, a margine della conferenza in cui annuncia l’arresto ha dichiarato ironicamente: “Abbiamo hackerato gli hacker“. Questa operazione ha quindi inflitto un colpo alla gang di Lockbit così duro da renderla praticamente non più operativa. Soprattutto, ha anche inviato un chiaro messaggio ai cybercriminali di tutto il mondo sulla crescente efficacia delle indagini internazionali.

Mentre Lockbit viene dichiarato “bloccato” e la sua era di terrore sembra concludersi, il successo di “Operazione Cronos” offre un barlume di speranza nella lotta globale contro il ransomware. Chiaramente, la battaglia contro il cybercrimine è ancora molto lontana dall’essere vinta, richiedendo una vigilanza continua e una cooperazione internazionale ancora più stretta.

Impostazioni privacy