Google Chrome, l’ultima novità fa sognare il mondo: era attesa da tempo

Google Chrome, fantastica novità per gli utenti di tutto il mondo: l’azienda statunitense sorprende tutti con un potenziamento stratosferico.

Google Chrome ultima novità
Il logo di Chrome – Mrinformatico.it

Google, fin dalla sua nascita, ha regalato al mondo servizi e novità veramente impressionanti. Il colosso di Mountain View ha praticamente avuto un impatto in ogni singola attività delle nostre vite: ci sono strumenti per affrontare al meglio il lavoro (si pensi al Drive), per migliorare gli spostamenti (si pensi a tutto quello che consente di fare Google Maps), per divertirsi nel tempo libero (dal fitness alla lettura). Ogni giorno, l’azienda continua ad arricchire la sua offerta con innovazioni sorprendenti e con modifiche straordinarie.

Uno dei servizi più importanti messi a disposizione dal colosso informatico è Chrome, il browser web sviluppato sul motore di rendering Blink. La crescita negli anni è stata esponenziale: come riportato da Netmarketshare, Chrome è diventato il browser più utilizzato al mondo già nell’aprile del 2016. Sfruttando la popolarità del “marchio”, Google ha deciso di lanciare con il medesimo nome una linea di smartphone e prodotti come hardware e software. Tornando a Chrome, vediamo insieme l’ultima novità che fa letteralmente sognare il mondo (qui abbiamo parlato di una nuova funzionalità aggiunta).

Google Chrome, l’ultima novità fa sognare il mondo: tutti la desideravano da tempo

Google Chrome ultima novità
Il logo di Google Chrome su un cellulare – Mrinformatico.it

Grandissimo annuncio di Google: con l’ultima versione di Chrome desktop (la M124), verranno introdotti modelli di machine learning per potenziare la barra degli indirizzi. Stando a quanto si apprende, per gli utenti cambierà proprio tutto. I suggerimento sulle pagine web saranno più precisi e pertinenti). I modelli di machine learning, quindi, avranno il compito di incrementare la pertinenza (quello che un utente desidera) dei suggerimenti di ricerca.

Attenzione però: la novità non riguarda ancora tutti. Prima di giungere su Chrome per Windows, dovrà essere testata su Chrome Canary e Chrome Beta. Gli algoritmi usati fino a questo momento non riescono ancora ad adattarsi in modo dinamico alle abitudini dell’utente. I modelli di machine learning, invece, osserveranno e impareranno tutti i comportamenti di un determinato utente, lavorando quindi sulle sue abitudini. Chrome capirà quindi facilmente quali sono gli argomenti a cui dedichiamo un tempo maggiore e quali sono quelli che chiudiamo rapidamente. “Con il nuovo sistema di punteggio, possiamo raccogliere segnali più ecenti, riqualificare, valutare e implementare periodicamente nuovi modelli nel tempo“, ha spiegato Justin Donnelly, il software engineer di Chrome.

Impostazioni privacy