Digitale Terrestre, adesso è tutto vero: “Ad agosto..”

Digitale Terrestre, adesso è tutto vero: scopriamo quali sono le ultimissime in merito alla trasmissione dei programmi in tv. Tutte le ultimissime e cosa serve sapere per vedere i futuri programmi. 

Digitale terrestre, il nuovo sistema di trasmissione e la nuova tv, cosa serve sapere
Tv nuova, bonus governo per l’acquisto (mrinformatico)

La nuova era della televisione sta per arrivare. Con l’avvento del DVB-T2 (Digital Video Broadcasting – Second Generation Terrestrial), cioè la nuova trasmissione del digitale terrestre in Italia, tutti i fruitori del servizio potranno guardare i contenuti con una migliore qualità video e audio in alta definizione, un passo verso il futuro che cambierà il modo di intendere la televisione e i relativi programmi, poiché la lista dei canali aumenterà ancora di più. Con queste novità, però, cambieranno anche le frequenze televisive per permettere al 5G di poter essere pienamente operativo sul territorio nazionale.

Digitale Terrestre, cosa cambierà

Digitale terrestre, nuova tv, trasmissione contenuti
Digitale terrestre, nuova tv (mrinformatico)

Il passaggio al DVB-T2 è ormai datato dal 2021, primi passi di una trasformazione che si completerà entro dicembre 2024. Lo switch-off dei canali Rai HD è già iniziato e a partire da fine agosto 2024, alcuni canali specifici passeranno definitivamente a questo nuovo sistema di trasmissione. Dunque, come riportato da ‘cefaluweb.com’, gli italiani dovranno verificare se il dispositivo attualmente a disposizione sarà compatibile oppure no, altrimenti sarà necessario acquistare una nuova tv o un decoder DVB-T2. Per capire se la tv è compatibile, bisogna sintonizzarsi sui canali 200 o 558: se si vedono, l’attuale dispositivo è idoneo e non dovrà essere sostituito.

Nel caso in cui l’utente sia orientato ad acquistare una nuova tv per sostituire definitivamente il vecchio televisore, sappiamo che il governo ha stanziato un bonus tv con sconti variabili per tutte le famiglie interessate. 

Digitale Terrestre, i cambiamenti sono dietro l’angolo

Questo bonus è rivolto a tutte le famiglie con un ISEE inferiore a 30mila euro e si tratta di un rimborso che può arrivare anche al 50% sulla spesa sostenuta. Le richieste sono partite addirittura da gennaio 2023 e l’importo massimo consentito del rimborso ammonta a 100 euro. Possono richiederlo tutti i cittadini italiani residenti in Italia a patto che soddisfi i requisiti richiesti appena citati. Come riporta il sito, i soldi saranno poi erogati entro 30 giorni dalla presentazione della domanda.

Impostazioni privacy