Come si attiva la Pec: la mini guida con tutti i passaggi

Quali sono i passaggi da seguire per creare un account di posta elettronica certificata: ecco come si attiva la Pec.

Come attivare la pec
Quali sono i procedimenti da seguire per attivare la PEC – Mr.Informatico.it

Un numero sempre crescente di utenti ha necessità di disporre di un account di posta elettronica certificata. Questa casella di posta elettronica, nota brevemente con l’acronimo Pec, permette la ricezione di messaggi, conferendo a ciascuna e-mail lo stesso valore di una tradizionale raccomandata. Ma quali sono i costi per l’attivazione della Pec e quali sono i passaggi da seguire per creare un account Pec? Ecco tutte le informazioni in merito.

Quali sono i passaggi da seguire per creare un account di posta elettronica certificata: ecco come attivare la Pec

donna attiva la pec
Indicazioni da seguire per attivare la PEC – Mr.Informatico.it

Oggi le caselle di Posta elettronica certificata in Italia hanno raggiunto circa i quattordici milioni e mezzo di utenti. Il numero crescente di caselle di Posta elettronica certificata è legato all’utilizzo sempre più diffuso delle comunicazioni recapitate con la Pec. La Posta Elettronica Certificata ha lo stesso valore della raccomandata con ricevuta di ritorno e per questo motivo viene ampiamente utilizzata nei rapporti con le pubbliche amministrazioni e nei rapporti con i privati.

Nei primi anni dalla sua creazione, è stato possibile attivare gratuitamente la PEC. Adesso, invece, per attivare la PEC è necessario pagare un abbonamento. La tariffa dipende dai servizi abbinati alla cartella di posta elettronica certificata, dallo spazio aggiuntivo per l’archiviazione di documenti alle notifiche in tempo reale legate al ricevimento di una nuova comunicazione. Gli importi partono da circa cinque euro senza IVA all’anno per arrivare ai dieci euro l’anno.

La creazione dell’account di posta elettronica certificata non è un’operazione complessa. Bisogna per prima cosa collegarsi al sito web di uno dei provider che forniscono il servizio. L’elenco è pubblicato sul sito dell’Agenzia per l’Italia digitale (nota con l’acronimo di AGID).

Tra questi vi sono Aruba, il Consiglio Nazionale del Notariato, Infocert, Intesa, Poste Italiane, Telecom Italia, Trust Technologies. L’autenticazione avviene tramite credenziali di identità digitale (Spid, Carta di Identità Elettronica o Carta Nazionale dei Servizi). L’identità del titolare della casella può essere legata sia una persona fisica che a una giuridica. La Pec è obbligatoria solo per alcune categorie professionali. I costi della PEC sono di gran lunga ridotti rispetto a quelli delle comunicazioni cartacee inviate attraverso raccomandate con ricevuta di ritorno. La PEC garantisce elevati livelli di sicurezza e riservatezza dei contenuti.

Impostazioni privacy