Brutte notizie per chi aspetta Windows 12: tanti sono già delusi prima di vederlo all’opera

Le aspettative degli utenti si scontrano con la realtà di una strategia di marketing ancora avvolta nel mistero.

L’attesa per la nuova versione di Windows si sta trasformando in una vicenda decisamente appassionante per chi si interessa di di tecnologia e per i professionisti dell’iIT. Voci e anticipazioni sulle caratteristiche del nuovo sistema operativo circolano da mesi e molti speravano che “Windows 12” portasse una ventata di novità nel panorama dei sistemi operativi. Eppure, le ultime notizie suggeriscono che le aspettative andrebbero fortemente ridimensionate.

quando esce windows 12
L’hype costruito attorno a Windows 12 si sta trasformando in una cocente delusione – Screenshot YouTube Windows – mrinformatico.it

Il dibattito sulla reale natura di Windows 12 si infittisce. Inizialmente ad alimentare le voci erano stati grandi nomi del settore come il CEO di Qualcomm, Cristiano Amon, che aveva parlato del progetto di sincronizzare il lancio del processore Snapdragon X Elite con la prossima versione di Windows. Su questa possibilità non sono però arrivate conferme ufficiali né dettagli da parte di Microsoft, motivo per cui la comunità tecnologica ha iniziato a speculare: Windows sta mantenendo il segreto, oppure nulla di tutto ciò esiste affatto?

Il prossimo aggiornamento di Windows sta facendo già parlare molto di sé

Il termine “Windows 12” è diventato uno dei più discussi negli ultimi mesi, ma le aspettative si sono rapidamente scontrate con voci di corridoio che suggeriscono che il prossimo aggiornamento sarà un’evoluzione piuttosto che una rivoluzione. Si fa sempre più forte la possibilità che il cosiddetto Windows 12 non sia altro che un aggiornamento sostanzioso di Windows 11.

windows 12 non apporterà cambiamenti significativi
Molti utenti temono che Windows 12 si limiterà a migliorare le funzioni introdotte con Windows 11 – Screenshot YouTube Windows – mrinformatico.it

Le speculazioni si sono fatte strada anche tra i produttori di PC, che sembrano puntare molto su questa nuova release, sperando in un impulso alle vendite grazie a nuove caratteristiche e miglioramenti. Tuttavia, la mancanza di informazioni concrete e l’uso di termini vaghi da parte dell’azienda come “aggiornamento di Windows hanno solo alimentato la confusione e, per alcuni, la delusione.

Il mercato e gli utenti si trovano ora in un limbo, tra l’attesa di qualcosa di nuovo e l’accettazione che il futuro potrebbe non essere così rivoluzionario come sperato. La strategia di Microsoft di rimanere enigmatica sul futuro di Windows potrebbe essere una mossa calcolata, ma d’altra parte rischia di alienare quegli utenti e professionisti che cercano chiarezza e innovazione. Con Windows 11 lanciato nel 2021, la base di utenti potrebbe non essere pronta per un altro cambiamento, soprattutto se percepito come minore o non sufficientemente innovativo.

Impostazioni privacy