Android trasforma lo smartphone in un allarme di sicurezza: come funziona e come impostarlo

Giocando con le funzionalità di Android, gli utenti possono facilmente trasformare il proprio smartphone in un dispositivo di allarme.

L’innovazione tecnologica degli ultimi anni ha permesso ai dispositivi mobili di superare la loro funzione originaria, trasformandoli in strumenti multifunzionali che arricchiscono la vita quotidiana in modi precedentemente inaspettati. Tra queste evoluzioni, una delle più sorprendenti è la capacità degli smartphone Android di agire come sistemi di allarme di sicurezza, una caratteristica che rende molto più facile occuparsi della sicurezza domestica.

smartphone android allarmi di sicurezza
Android apre nuove prospettive nella sicurezza domestica – mrinformatico.it

La funzionalità “Notifiche di Suoni”, integrata in dispositivi selezionati, tra cui i telefoni Pixel di Google, è stata inizialmente progettata per assistere gli utenti con difficoltà uditive. Sfruttando a pieno il suo potenziale, però, si può trasformare il dispositivo in un vero e proprio sistema di allarme domestico.

Un modo intelligente per sfruttare le funzionalità dei moderni smartphone Android

La tecnologia “Notifiche di Suoni” permette al telefono di monitorare l’ambiente circostante rilevando suoni specifici, come il bip di un allarme antifumo o il suono di un campanello, avvisando l’utente attraverso notifiche visive o vibrazioni. Può quindi segnalare effrazioni durante la notte (a patto che facciano rumore).

Per attivare le “Notifiche di Suoni”, gli utenti devono seguire alcuni semplici passaggi. La prima cosa da fare è andare su Impostazioni e scorrere fino a trovare la sezione “Accessibilità”. Una volta dentro, bisognerà trovare la voce apposita, aprirla e selezionare la voce “Apri notifiche di suoni“.

come usare lo smartphone android come allarme
Gli smartphone Android sono in grado di rilevare suoni sospetti e notificare l’utente – mrinformatico.it

Dopo aver concesso le autorizzazioni necessarie, gli utenti possono personalizzare l’esperienza selezionando i suoni specifici da rilevare. L’applicazione offre una vasta gamma di opzioni, inclusi allarmi antifumo, sirene, urli, suoni di neonati, campanelli, abbai di cani, bip di elettrodomestici, acqua corrente e suonerie di telefoni fissi. Questa personalizzazione assicura che gli utenti possano adattare il sistema di notifica alle specifiche esigenze di sicurezza della propria abitazione.

Una delle preoccupazioni più comuni degli utenti riguarda la privacy e l’uso della batteria. Google afferma che la funzione “Notifiche di Suoni” processa tutti i dati audio localmente, in modo che nessun suono o conversazione di sfondo venga inviato a Google senza il consenso esplicito dell’utente. D’altra parte, è importante notare che l’uso continuativo del microfono per il monitoraggio dei suoni può influenzare la durata della batteria. Per questo motivo, si consiglia di attivare questa funzione solo quando necessario e di assicurarsi di caricare regolarmente il dispositivo.

Per migliorare l’efficacia delle “Notifiche di Suoni”, è consigliabile posizionare lo smartphone in un punto centrale della stanza desiderata e assicurarsi che nulla ostacoli il microfono. Ridurre al minimo i rumori di fondo, come la televisione, può anche aiutare a migliorare la precisione del rilevamento dei suoni.

Impostazioni privacy