Altro che auto elettriche, dal Giappone arriva una nuova tecnologia: risparmi notevoli

I prezzi del carburante aumentano, le auto costano ed in Giappone c’è una grande novità che farebbe risparmiare tanti soldi: di che si tratta?

Novità Giappone ammoniaca motore
Auto elettrica-(Mr.Informatico.it)

 

La tecnologia è un argomento che va sempre trattato con grande attenzione, specialmente per quanto riguarda il mondo delle automobili. 

Negli ultimi anni le multinazionali hanno prodotto e costruito auto perfette, comodissime ma il problema resta sempre il prezzo, infatti non sono disponibili per tutti.

Ultimamente ci sono stati tanti scioperi e manifestazioni da parte dei titolari di distributori di benzina causa aumenti di accise del prezzo dei vari carburanti.

Sono state inventate le auto-elettriche, ma come è stato registrato le vendite sono ancora un po’ a rilento.

Intanto in Giappone si pensa ad una nuova grande invenzione, molto economica.

Il nuovo carburante in Giappone

Novità Giappone ammoniaca motore
Motore ad ammoniaca-(Mr.Informatico.it)

 

Il Giappone è uno dei paesi madre che producono automobili, con grandi aziende storiche che sono sempre alla ribalta del mercato internazionale.

Automobili sempre presenti anche in altri continenti, grazie alla qualità ed ai prezzi non troppo esagerati. Intanto con l’invenzione delle auto elettriche c’è anche un grande sostegno per l’ambiente con una minor diffusione di gas che possono inquinare l’atmosfera. 

Il mercato delle auto elettriche però resta ancora bloccato, i prezzi sono ancora alti, ma cominciano ad arrivare delle idee che potrebbero essere davvero una grande novità, ossia l’uso dell’ammoniaca come nuovo mezzo di combustione.

Ammoniaca al posto della benzina?

È sempre più in auge l’idea di introdurre un prodotto come l’ammoniaca per le auto elettriche in Giappone. Cosa potrebbe fare? I ricercatori giapponesi sostengono infatti che l’ammoniaca sarebbe in grado di bruciare più velocemente l’induzione del motore di un’auto elettrica.

Infatti il mix che si creerebbe con aria immessa nella camera di combustione attraverso un flusso vorticoso sembra essere sufficiente per garantire l’accensione dell’ammoniaca e di conseguenza il funzionamento del veicolo elettrico. 

Questa idea è partita ufficialmente dalla Sophia University di Tokyo, tra le prime al mondo per quanto riguarda creazioni e produzioni di materiali innovativi.

La conferma giunge dal professor Mitsuhisa Ichiyanagi il quale conferma che attraverso l’uso dell’ammoniaca si andranno a ridurre drasticamente le emissioni di anidride carbonica ed anche i prezzi saranno molto più bassi. 

Il professore sostiene: “Con l’obiettivo di bruciare solo l’ammoniaca, abbiamo sostanzialmente studiato la relazione tra il sistema di aspirazione del motore e il flusso all’interno dei cilindri. Attraverso l’uso dell’ammoniaca avremo anche una notevole realizzazione di una società basata sull’energia dell’idrogeno volta alla protezione dell’ambiente”. 

Una novità che potrebbe entrare nella storia e nel mercato delle automobili.

Impostazioni privacy