Addio aria condizionata, il metodo per raffreddare casa grazie agli scarafaggi: di cosa si tratta

Con l’arrivo dell’estate, aumenta sicuramente l’uso dell’aria condizionata: arriva però il metodo per raffreddare casa grazie agli scarafaggi. 

Addio aria condizionata grazie scarafaggi
Stanza spaziosa con l’aria condizionata – Mrinformatico.it

Dopo un lungo inverno, l’estate è ormai alle porte: in Italia il tempo è già cambiato e ci sono punti dove le temperature hanno superato già i 25 gradi. Ormai non è una novità: dal freddo (mai gelo in questo 2024) si passa al caldo e così via. Gli italiani si stanno preparando per la prova costume: dopo le grandi abbuffate pasquali, è arrivato il momento di fare sul serio. Per affrontare le alte temperature, la tecnologia ha offerto un grosso aiuto da diversi anni.

Sono arrivati sul mercato prodotti incredibili come il “pinguino” (un potente deumidificatore) o come i classici condizionatori, sempre più smart e sempre più potenti. Nonostante la possibilità di monitorare con le applicazioni i consumi in tempo reale e le varie modalità presenti che possono aiutare a risparmiare energia, l’impatto di questi elettrodomestici non è trascurabile. Conoscere quindi un modo diverso per mantenere buone temperature in casa è sicuramente un grosso vantaggio. Da qualche giorno, si parla sempre di più del metodo degli “scarafaggi”: vediamo insieme in cosa consiste questa assurda novità.

Il metodo per raffreddare casa grazie agli scarafaggi: cos’è questa assurda novità che sta facendo il giro del mondo

Addio aria condizionata grazie scarafaggi
Il condizionatore in casa – Mrinformatico.it

L’aria condizionata ha un importante impatto in bolletta: i costi non possono essere sottovalutati e in un momento così difficile per gli italiani, sapere come risparmiare è sicuramente importante. I ricercatori dell’Università di Cambridge, intanto, hanno trovato una valida alternativa : per lo studio in questione, con il guscio degli scarafaggi è possibile cambiare radicalmente le pareti e i tetti delle case. La cellulosa che compone l’esoscheletro degli scarafaggi riesce a catturare la luce e a rifletterla in diverse lunghezze d’onda, mantenendo così l’ambiente casalingo più fresco. Catturando la luce solare, la temperatura interna della casa sarà più bassa.

Tale soluzione, quindi, permetterà ottimi risparmi perché non richiederebbe consumi energetici. Per usare l’esoscheletro degli scarafaggi, sarà possibile l’utilizzo di una vernice speciale o di un rivestimento sorprendente basato proprio su questa caratteristica degli “odiati” insetti. Stando a quanto riportato nello studio degli scienziati, la soluzione potrebbe essere adottata soprattutto nelle città costiere. Sono attesi ulteriori sviluppi ma una cosa è certa: gli scarafaggi potrebbero fornire l’ennesimo grande aiuto all’umanità intera. Questa soluzione, infine, non avrebbe ripercussioni particolari sull’ambiente e non sarebbe ovviamente inquinante.

Impostazioni privacy